Cammini per la città.
Spesso dicono che l’architettura, lo spazio, non abbia nulla a che fare con le parole.

holzer-thumb-550xauto-124

Dicono inoltre che la tecnologia ci stia rovinando.
Un giorno un ragazzo era seduto ad un tavolo. Giocava con il suo cellulare. I suoi occhiali spessi e tondi tondi attaccati ad un piccolo naso. La sua testa liscia liscia chinata e concentrata come se il mondo intero non esistesse. Mi sono avvicinata per capire cosa facesse.
Mi guardò. Sorrise.
Mi porse il  suo cellulare. E disse solo:

“Guarda qui.

Wow. Puff!”

Con quel sono onomatopeico intendeva “Pazzesco, bellissimo, stravolgente.”

Con quel suono mi sono approcciata a Jenny Holzer. Artista americana, classe 1950, che ha fatto della proiezione e della tecnologia la sua firma. Scrive sui grandi monumenti, sulle strade. Sulle città.

Se si naviga sul suo sito si incontra un mappamondo di muri, monumenti e parole. Firme del suo pensiero, di poesie, della sua provocazione in ogni città del mondo. Una parola che è impressa, ma che con un soffio scompare. E poi può riapparire. Non è scritta nel vento. E neanche marchiata sulla pietra. È come se fosse soffiata nella nostra immaginazione. Come nei nostri sogni può apparire e scomparire.
Su Ponte Vecchio a Firenze: “You are my own“… “I smell you on my skin”.
A New York, A Bordeaux. A Parigi. A Roma.

landmines

Attraversa lei i muri con le parole, che si rafforzano di significato. Diventano pietre, davvero. Pietre gigantesche. Non puoi fare altro che osservare a bocca aperta il miracolo della parola. Del significato.
Del potere dell’essenza.

In bianco e nero le sue immagini rimbombano in noi.

“I Can’t Tell you”. – Non posso dirtelo.

E se non posso dirtelo, almeno te lo scrivo.

“Puff.”

Con una onomatopea ho scoperto il valore sconvolgente della parola.


Soprattutto, di quella che non riesci a dire.

 

Scritto per MifacciodiCultura – Artspecialday.com.

Per Approfondimenti:

http://www.jennyholzer.com/

Federica Maria Marrella

Classe 1986. PhD in Comunicazione e Nuove Tecnologie. Il mio lavoro di ricerca si concentra sull’Iconografia Femminile nella Fotografia di Moda Contemporanea. Storica dell’Arte, Educatrice Museale. Docente di Storia dell’Arte. Scrittrice. Curiosa osservatrice. Amante della Poesia e della Musica. Costruttrice attenta e costante di Piccoli Sogni.

Lascia un commento...