Mi vide, mi amò;

la vidi, l’amai.

Che cosa c’è

c’è che mi sono innamorata di te

c’è che ora non mi importa niente

di tutta l’altra gente

di tutta quella gente che non sei tu

che cosa c’è

c’è che mi sono innamorata di te

c’è che ti voglio tanto bene

e il mondo mi appartiene

il mondo mio che è fatto solo di te

come ti amo

non posso spiegarti

non so cosa sento per te

ma se tu mi guardi

negli occhi un momento

puoi capire anche da te

che cosa c’è

c’è che mi sono innamorata di te

c’è che io ora vivo bene

se solo stiamo insieme

se solo ti ho vicino:

ecco che c’è.

Ispirato a un dialogo immaginario tra Pierre du Ryer (Parigi, 1605 – Parigi, 6 novembre 1658) e Ornella Vanoni (Che cosa c’è, 1963, canzone di Gino Paoli).

Scritto per MIfacciodiCultura – Artspecialday.com

Lascia un commento...